martedì 19 aprile 2011

Gli scienziati indagano sulla presenza di wormhole vicino le stelle

Non sembrano più fantascienza, ma pura realtà, dettata implicitamente dalla relatività generale.

Artistic Concept di un Wormhole
I Wormholes sono degli oggetti che nascono dalla relatività generale. Anche se ancora non c'è nessuna prova della loro esistenza, gli scienziati pensano che questi collegamenti servano per unire un punto dello spazio-tempo ad un altro. Di solito, si immaginano questi buchi come collegamenti tra spazi vuoto.
Tuttavia un recente studio suggerisce che i Wormholes possono esistere solo tra stelle lontane. Al posto di essere tunnel "vuoti", questi Wormholes dovrebbero contenere un fluido che scorra avanti e indietro tra le due corpi celesti , magari dando loro una firma rilevabile. 

Vladimir Dzhunushaliev presso la National University in Kazakistan, ha inviato la sua indagine -su arXiv.org- circa la possibilità dell'esistenza di questo tipo di cunicoli.
Gli scienziati hanno iniziato a indagare sull'idea di Wormholes fra soli, dal tipo di oggetti astrofisici che potrebbero servire come ingressi al nostro buco spazio-temporale. Secondo i modelli precedenti, alcuni di questi oggetti potrebbero essere simili a stelle ordinarie.
Questa idea ha portato gli scienziati a chiedersi se i Wormholes possano esistere nelle stelle ordinarie oppure nelle stelle di neutroni. Da una certa distanza, questi astri assomigliano a corpi celesti normali (e stelle di neutroni normali), ma potrebbero avere alcune differenze rilevabili.
Per studiare queste differenze, i ricercatori hanno sviluppato un modello di una stella ordinaria con un tunnel al centro, attraverso la quale la materia potrebbe muoversi. Due astri che condividono un Wormhole avrebbero una connessione univoca, dal momento che sono associate tramite i due ingressi del Wormhole. Poiché la materia esotica nel wormhole fluisce come un liquido tra le stelle, entrambi gli astri potrebbero "pulsare" in un modo insolito.
Per ora, la parte difficile è calcolare esattamente che tipo di oscillazioni si verificherebbero e che tipo di energia verrebbe liberata. Queste informazioni dovrebbero permettere agli scienziati di prevedere ciò che una stella -contenente un Wormhole- potrebbe sembrare dalla Terra, e incominciare la ricerca di questi oggetti.

2 commenti:

  1. Questo articolo è scritto in un italiano da seconda elementare. Pietoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso va molto meglio. Ben fatto!

      Elimina